Convegno Giflex: forte interesse per il mondo del flessibile e dei suoi scenari

Una sala affollata, con oltre 180 partecipanti, per l’evento autunnale di Giflex dal titolo “Imballaggio flessibile: la leggerezza che riduce lo spreco alimentare”, ha testimoniato il forte interesse per il mondo degli imballaggi flessibili e l’evoluzione dei suoi scenari.

Un ringraziamento speciale va al nostro sponsor INX Srl e al nostro partner IPACK-IMA 27 – 30 May 2025 che hanno sostenuto l’evento con fiducia e passione, a tutti i nostri associati che rappresentano il cuore pulsante di Giflex, alle persone presenti in sala, valorizzato ancora di più dall’attenzione dedicata da parte di tutti i giornalisti.

Economia e re-globalizzazione, cambiamento climatico, spreco alimentare e PPWR le parole chiave che si sono susseguite nel corso della giornata, lo scorso 6 novembre, a Milano.

“In un periodo di trasformazioni profonde e radicali, l’imballaggio flessibile si conferma un’industria resiliente, capace di far fronte a complesse condizioni di mercato, in un delicato equilibrio tra opportunità e difficoltà. Nel 2022 cresce il fatturato di settore superando i 4 miliardi di euro, aumentano anche gli occupati ma i costi di materie prime ed energia crescono di più. Nonostante ciò, la maggior parte delle imprese associate ha migliorato la propria sostenibilità finanziaria”, ha dichiarato Alberto Palaveri, Presidente di Giflex, nel suo discorso di apertura a commento dell’andamento di settore.

A seguire l’intervento di Fadi Hassan, Research Associate presso il Centre for Economics Performance, The London School of Economics and Political Science (LSE) con un intervento dal titolo “Le imprese italiane nella nuova fase di re-globalizzazione”. La presentazione ha analizzato gli andamenti della nuova fase di globalizzazione, la cosiddetta “slowbalization”, le sue cause e le implicazioni per le imprese italiane. Il relatore si è inoltre soffermato sulle strategie di internazionalizzazione delle imprese italiane date le recenti strozzature delle catene globali del valore e le tensioni geopolitiche in atto

Tra i temi di stringente attualità non poteva mancare il focus su clima e ambiente. Sul palco Matteo Reale, Esperto di Comunicazione ambientale, ha intervistato Serena Giacomin, Presidente di Italian Climate Network, meteorologa, climatologa, vincitrice del Premio DonnAmbiente 2021 e conduttrice televisiva di rubriche meteo e di approfondimento ambientale.

A partire dal racconto che “non tutto ciò che senti sul clima è vero”, Serena Giacomin ha messo in evidenza come “la giusta transizione si concentri sulla creazione di nuove opportunità occupazionali, sulla formazione dei lavoratori per nuove competenze e sulla costruzione di un futuro sostenibile che tenga conto delle preoccupazioni sociali ed economiche. Tutto ciò appare tutt’altro che banale, ma non impossibile, grazie alla scienza, alle conoscenze in sinergia e alla tecnologia che corre veloce, senza dimenticarsi di mettere sempre le persone al centro”.

Con il Keynote speech di Rosa S. Rolle, Senior Enterprise Development Officer, Organizzazione per l’Alimentazione e l’Agricoltura delle Nazioni Unite, si è entrati nel vivo del dibattito sul ruolo strategico del packaging contro lo spreco alimentare.

“A livello globale, si stima che il 13% del cibo mondiale venga perso nella catena di approvvigionamento dopo la raccolta e prima della vendita al dettaglio. Un ulteriore 17% del cibo viene sprecato nelle famiglie, nei servizi di ristorazione e nella vendita al dettaglio. Le perdite e gli sprechi alimentari rappresentano uno spreco di risorse – terra, lavoro, energia e acqua – utilizzate nella produzione alimentare e rappresentano l’8-10% delle emissioni globali di gas serra”, ha commentato la portavoce di FAO.

In sala, direttamente da Bruxelles, Roberta Colotta, Head of Public Affairs FPE, ha illustrato alla platea a che punto siamo e quali saranno i prossimi passi per l’approvazione del regolamento europeo Packaging and Packaging Waste Regulation. “Siamo a meno di un mese dal voto sulla PPWR in plenaria in Parlamento Europeo. Questo nuovo regolamento rappresenta sfide e opportunità per il mondo degli imballaggi flessibili. Molte parti sono migliorate rispetto al testo della Commissione ma altre rimangono ancora da affinare, come ad esempio le safety net per il contenuto riciclato minimo. L’industria del flessibile mira ad essere il punto di riferimento per guidare il legislatore verso un testo che abbia come obiettivo la riduzione delle risorse utilizzate nella produzione di imballaggi e più riciclo. Speriamo che l’Europa ci ascolti!”

Prestigiose le presenze istituzionali, a conferma del costante dialogo di Giflex con la politica. Sui temi più caldi della giornata sono intervenuti: Maria Chiara Gadda, Vice Presidente Commissione Agricoltura della Camera dei Deputati, autrice Legge 166 sugli sprechi alimentari; Diego Invernici, Consigliere regionale e componente della Commissione Attività produttive, istruzione, formazione e occupazione della Regione Lombardia; Tiberio Schmidlin, Coordinamento settore Ambiente e Clima – Rappresentanza Permanente d’Italia presso l’Unione europea e Silvia Sardone, Eurodeputata e componente della Commissione Ambiente (ENVI) del Parlamento europeo.

Online al seguente link la gallery dell’evento:

https://giflex.it/2023/11/08/6-novembre-2023-milano-convegno-giflex-imballaggio-flessibile-la-leggerezza-che-riduce-lo-spreco-alimentare/